L’arte dei pupari a Catania celebra la tradizione storica

È una rassegna di grande valore artistico portata in scena dalla Marionettistica fratelli Napoli di Catania. L’arte dei pupari vuole incantare gli amanti della cultura e della tradizione siciliana

arte dei pupari L’arte dei pupari a Catania celebra la tradizione storica eventi sicilia L’arte dei pupari è un segmento della storia d’Italia da tenere bene in considerazione. L’arte dei pupari costituisce, a pieno titolo, la tradizione culturale meridionale del Bel Paese. È un mestiere antico e caratteristico siciliano messo in scena dalla Marionettistica dei fratelli Napoli di Catania, diffondendo l’arte dei pupari in tutta Europa. A rappresentare l’arte dei pupari c’è un’originale commedia al Teatro delle Ciminiere di Catania, sabato 17 e domenica 18 novembre 2012, dal titolo “Muller e Bengaria. Amori e guerre nel Celeste Impero”. Lo spettacolo inizia alle 19.00, mentre la disponibilità della sala è fino ad esaurimento posti. L’ingresso è gratuito. La Provincia Regionale di Catania, insieme a Etnafest 2012 e il suo colorito manifesto di eventi, promuove l’arte dei pupari, una delle attività peculiari della cultura del territorio. La Marionettistica dei fratelli Napoli di Catania, già insignita del prestigioso Praemium Erasmianum dai Reali d’Olanda ad Amsterdam il 3 Giugno 1978, propone per Etnafest un programma di serate dell’Opera dei Pupi che permette di scoprire gli altri cicli cavallereschi rappresentati dai pupari, senza dimenticare le straordinarie possibilità drammatiche possedute dai pupi catanesi, capaci di confrontarsi sia con il melodramma sia con il teatro shakespeariano. La storia racconta le vicende di due amanti fedeli e appassionati, separati tragicamente da un naufragio. Gemma, accolta alla corte dell’imperatore di Russia Rodocaus, ha nascosto la sua identità sotto il finto nome di Bengaria. Erminio, scampato anche lui alla tempesta, ha fatto amicizia col principe di Polonia Emiliano, ha assunto il finto nome di Muller ed è partito per l’Oriente alla ricerca della perduta Gemma. Scoppia la guerra tra Russia e Cina. Bengaria, disperata per la perdita di Erminio, guida le armate russe di vittoria in vittoria e fa innamorare di sé il gentilissimo principe Soranzo. Muller giunge nel Celeste Impero, si assolda nell’esercito cinese e fa innamorare di sé la principessa Tibet. Muller e Bengaria si scontrano sul campo di battaglia e non si riconoscono perché hanno armature diverse dalle solite, con le visiere abbassate. Pur pensando al loro amore perduto, correranno il rischio di dover sposare i loro imperiali spasimanti. Per i capricci del caso, gli amanti fedeli vedranno il loro amore tramutarsi in sdegno implacabile, fino alla soluzione assicurata dalla sincera amicizia e dalla ragionevolezza del buon Artale Emiliano. Le vicende della guerra tra la Russia e la Cina rappresentano l’idea della percezione che il pubblico catanese aveva di un mondo lontano e fascinoso. Gli spettacoli realizzati dalla Marionettistica dei fratelli Napoli di Catania si ripeteranno nei tre fine settimana successivi.

Francesco Fravolini



Francesco Fravolini

Giornalista professionista, studi universitari in Economia e Commercio e Lettere all’Università “La Sapienza” di Roma, è Direttore editoriale di turismo-in.it.


newsletter turismo


commenti