Le salon romantique è il festival di Venezia

La rassegna esalta il valore della musica con pubblicazioni sul repertorio romantico francese. Le salon romantique consente alle persone di conoscere un importante periodo culturale

Salon romantique 250x178 Le salon romantique è il festival di Venezia eventi veneto La ricerca musicale, la pubblicazione di testi scientifici e dischi, senza dimenticare la programmazione di un fitto calendario di concerti sono le tre direttive principali del Palazzetto Bru Zane di Venezia, che opera per la diffusione del repertorio romantico francese. Il prossimo appuntamento sarà con il festival “Le salon romantique”, in programma dal 2 al 28 febbraio, che prevede diversi concerti nel pieno periodo di carnevale. La rassegna, completamente dedicata al repertorio romantico francese, rappresenta una finestra sulla musica internazionale nel cuore di Venezia, città che a sua volta, in quel particolare periodo, ha uno straordinario respiro sul mondo. Il festival “Le salon romantique” è un’autentica occasione per valorizzare la sala da concerto del Palazzetto, sala le cui dimensioni corrispondono idealmente a quelle dei salotti ottocenteschi per i quali furono composti quartetti, sonate, romanze o mélodies. È bene ricordare che nell’Ottocento, il salotto rappresenta il luogo di convergenza tra le arti e la vita sociale. Ricreare l’atmosfera di una riunione amichevole attorno a un pianoforte significa consentire di ritrovare le sensazioni di un rapporto intimo con l’opera eseguita. È per questa ragione che anno dopo anno “Le salon romantique” si dedica quasi esclusivamente alla musica da camera, valorizzando gli organici strumentali e vocali, propri di questo repertorio. Ogni inverno il Palazzetto Bru Zane ospita a Venezia giovani artisti per una rassegna di “carte bianche” dedicate al repertorio romantico francese. Il primo appuntamento del festival “Le salon romantique” è per sabato 2 febbraio alle ore 20 con un programma che presenta opere di La Tombelle, Ysaÿe e Franck, e protagonisti del calibro di Nicolas Dautricourt, violino, e Dominique Plancade al pianoforte. Il giorno seguente, domenica 3 febbraio alle 17, sempre a Palazzetto Bru Zane, si prosegue con Fantaisie romantique, concerto che propone opere di Anthiome e Saint-Saëns interpretate da Geneviève Laurenceau al violino e da David Bismuth al pianoforte. Lunedì 11 febbraio è prevista un’apertura straordinaria serale in occasione della Carnival culture night, la notte di vigilia che anticipa il martedì grasso: il Palazzetto Bru Zane sarà aperto al pubblico per due brevi concerti del pianista Vincenzo Maltempo intervallati da visite guidate, tutto a ingresso libero. Il programma del concerto è dedicato a opere di Charles-Valentin Alkan, compositore di cui si festeggia il bicentenario della nascita e la cui ricca tavolozza timbrica è in perfetta consonanza con le atmosfere del carnevale. È un appuntamento da non perdere quello di martedì 12 febbraio, dedicato non a caso a Wagner nell’ambito delle celebrazioni dei duecento anni dalla sua nascita. Al suo genio straordinario e al controverso legame con la Francia, il Palazzetto dedica una conferenza e un concerto, Wagner alla francese, che vedrà protagonista la pianista Dana Ciocarlie misurarsi con trascrizioni di opere wagneriane di Jaëll e Liszt e con la Sonata per pianoforte di Wagner. Il Palazzetto si fa eco dell’effervescenza veneziana aprendosi a visite guidate gratuite a partire dal 28 gennaio sino all’11 febbraio (esclusi il sabato e la domenica); le visite si svolgeranno alle 14.30 in italiano, alle 15.00 in francese e alle 15.30 in inglese. Il festival “Le salon romantique” riesce a valorizzare le melodie classiche della musica.

Francesco Fravolini



Francesco Fravolini

Giornalista professionista, studi universitari in Economia e Commercio e Lettere all’Università “La Sapienza” di Roma, è Direttore editoriale di turismo-in.it.


newsletter turismo


commenti