Fasano Visitare Puglia

Fasano è una straordinaria terra contesa


È una località della Puglia ricca di storia con testimonianze interessanti da ammirare. Fasano è molto conosciuta per il Festival di jazz. Sono incantevoli i paesaggi mozzafiato e le costruzioni d’epoca. C’è da visitare lo zoo più grande d’Europa

FasanoFasano è un comune della provincia di Brindisi, in pieno Salento, facente parte della Terra di Bari poiché annessa a Brindisi dopo la prima guerra mondiale, insieme a Cisternino, anch’essa vecchia provincia barese. È stata a lungo contesa dalla provincia di Bari, grazie agli innumerevoli benefici economici che riesce a conferire al Salento e alla provincia di Brindisi. Basti pensare alle bellissime spiagge limitrofe o al conosciuto zoo nazionale, passando per il suo apprezzato festival jazz, la Selva, i siti archeologici e tante altre bellezze naturali e alimentari. Ed è proprio la Selva a donare a Fasano un paesaggio meraviglioso. Fasano nasce in una zona collinare sull’altopiano pugliese e si affaccia sul territorio dei trulli, piena di numerose costruzioni d’epoca adattate a ville eleganti. Ricoperta di flora naturale la Selva è costituita, nella parte boschiva, da pini, castagni, cipressi, querce, lecci, ma anche di tante piante di ulivo, fico, carrubo e noce, aprendo un territorio che spazia dai trulli alle grotte, con le insenature e i paesaggi da mozzafiato. La stessa Selva ospita il famoso zoo di Fasano (Safari Fasanolandia), uno dei più grandi in Europa che offre la particolarità di poterlo visitare e osservare, comodamente seduti nella propria automobile, percorrendo percorsi prestabiliti, visto che gli animali sono tutti fuori dalle gabbie e solo recintati, in alcuni tratti, nelle vicinanze della strada portante. Sono imponenti e di grande importanza le cascine della Selva, un tempo frequentate da attori nostrani e internazionali, senza tralasciare il Parco botanico di San Donato e il Minareto. Fasano è divisa in varie zone mentre la Selva rappresenta il cuore pulsante di Fasano. Il parco botanico è immerso nella natura, dove si impara a scoprire il fascino della flora e della fauna mediterranee. Un percorso didattico che si snoda nella parte alta del parco e descrive esaurientemente tutte le essenze arboree e arbustive del luogo, sviluppate in maniera spontanea per formare la cosiddetta macchia mediterranea. Altro http://casinoin.us/ punto suggestivo di Fasano è il percorso che si avvicina alle bellezze artistiche della Puglia in “Puglia in Miniatura”, dove si possono visitare perfette ricostruzioni in scala 1:25 di tutti i monumenti regionali. Di grande divertimento è Fasanolandia, un parco divertimenti annesso allo zoo, con 25 grandi attrazioni e spettacoli serali di varietà. La visita allo zoo è un’autentica scoperta di tutti gli animali di varie origini, con sezioni dedicate, da quella dei Primati, passando per il Metrozoo fino a quelle del lago dei grandi mammiferi. Da non perdere è il villaggio della scimmie compresa la sala tropicale con annessi acquari e rettilari. Altro punto essenziale di Fasano è il Festival jazz, che si svolge nella prima decina di giugno, giunto alla XV edizione, dove si incontrano i cultori del genere musicale, con proposte innovative che spaziano anche nel blues e nel rock. Tornando alla sua provenienza, Fasano ha una grande storia. Il suo toponimo deriva da “Faso”, un antico colombo selvatico di colore bianco che viveva in zone paludose del posto, ed è rimasto come emblema di Fasano nel suo stemma della città. Ma le sue vere origini derivano dal Casale di Santa Maria di Fajano, un casale creato dalla popolazione di Egnazia nel 1088, che aveva abbandonato il centro, a causa della caduta dell’Impero Romano. Attualmente rimangono solo i siti archeologici della vicina Egnazia, oggi non più esistente, attorniata da numerose masserie di trulli con olivi secolari e muretti a secco per delimitare i confini.

Eugenio Levi Cozzolino